Immersione nelle foreste, un bagno di salute

News della scuola

Tuffarsi nel verde per ritrovare equilibrio e benessere e per imparare, dalle piante, l’importanza di fare rete e creare relazioni.
Il nostro Istituto ha organizzato, per le classi seconde fidardensi, lezioni all’aperto alla Selva di Castelfidardo allo scopo di favorire la socialità e migliorare il processo di apprendimento.
Accolti dai volontari della Fondazione Ferretti e dal presidente Eugenio Paoloni, gli studenti hanno appreso la storia e le caratteristiche naturalistiche del luogo che, con le sue 75 diverse tipologie di alberi, rappresenta un unicum in Europa, poi si sono letteralmente tuffati nel bosco.
Piedi nudi, occhi chiusi e assoluto silenzio per entrare in contatto diretto con la natura, le classi sono state guidate nel cuore della Selva. Lontane dal caos cittadino e dalle distrazioni della quotidianità, hanno vissuto l’esperienza di connettersi con l’ambiente circostante attraverso i cinque sensi: hanno annusato l’aroma delle cortecce, osservato le sfumature di verde, tastato le diverse consistenze del terreno e ascoltato i rumori del bosco.
Ritrovare benessere ma non solo: le piante, attraverso il loro sofisticato sistema di comunicazione, sono in grado di insegnarci come tessere relazioni durature. Si chiama wood wide web, è l’intricatissima rete sotterranea di radici e funghi capace di mettere in connessione gli alberi, trasportando nutrienti e informazioni chimiche su come affrontare al meglio il clima e l’ambiente locale. Una versione botanica del classico “l’unione fa la forza”! Dopo aver ascoltato con attenzione la spiegazione, gli studenti si sono cimentati in un role play e ciascuno di loro si è trasformato in un albero. L’attività ha dimostrato come un singolo esemplare faccia fatica a resistere alle numerose intemperie esterne, mentre diventa molto più forte e resistente quando riesce ad intrecciare le sue radici e i suoi rami a quelli di altri, creando una rete stabile e ricca. Ecco compiuta la trasformazione: gli alberi sono diventati selva.
Prima di concludere l’esperienza, un’ultima attività: disposti in cerchio i ragazzi hanno fatto passare una corda dietro le proprie schiene poi si sono lasciati andare all’indietro notando, con sorpresa, che tutti restavano sospesi senza cadere a terra. Quando, in un ecosistema così come in una società, tutti gli elementi si sincronizzano e cooperano, il risultato non può che essere l’equilibrio!

Altre News

News della scuola

Il 29 novembre si apre “La Notte dei racconti… Con accenti di speranza” con un testimone della strage di Capaci

News della scuola

La Provincia approva, per la sede di Osimo del Laeng-Meucci, il nuovo corso di “Servizi culturali e dello spettacolo”

giornata scienza 1

News della scuola

La giornata della scienza 2022, il pieno di applausi!

News della scuola

“URBAN ETHNIC fashion show”: che fantastica serata!

Torna all'inizio del contenuto