La scuola non dimentica: al via la nona edizione del concorso “Una perla per Shlomo”

Il nostro istituto organizza la nona edizione del concorso artistico – letterario “Una perla per Shlomo”, che intende offrire un contributo alla memoria della Shoah, ed in particolare al ricordo di Shlomo Venezia, uno dei pochi sopravvissuti al Sonderkommando, la Squadra Speciale del campo di sterminio Auschwitz-Birkenau, divenuto poi testimone lucido e coraggioso delle disumane atrocità che avvenivano in quel terribile luogo. Il legame speciale con la nostra scuola è nato nel 2011, quando Shlomo, ebreo di Salonicco di nazionalità italiana, è stato ospite dell’IIS Laeng Meucci e ha incontrato più di 400 studenti e docenti delle scuole medie e superiori di Osimo. Da allora tra i docenti dell’istituto e la famiglia Venezia è nato un rapporto di stima e di amicizia e l’ampia partecipazione ogni anno degli studenti al concorso testimonia la grande sensibilità e attenzione dei giovani e dei giovanissimi sul tema della Shoah.

Il concorso è aperto a tutti gli alunni dell’Ambito Territoriale di Osimo e degli Istituti Comprensivi di Filottrano e di Montefano ed è riservato a: poesie inedite, in lingua italiana, per le quali non viene indicato un massimo di versi; racconti inediti, scritti in lingua italiana, della lunghezza compresa tra le tre e le cinque cartelle per un massimo di 10.000 battute, spazi inclusi; manufatti artistici eseguiti secondo le diverse tecniche; produzioni digitali. La scadenza per la presentazione delle opere è il 21 gennaio 2022. La Giuria designerà tre vincitori di ogni sezione, che riceveranno dei premi in denaro

Altre News

LA NOTTE DEI RACCONTI: il “babbo” Marco nella testimonianza di Lorenzo Biagi, protagonista, ieri, di due straordinari incontri

LA NOTTE DEI RACCONTI: tante emozioni con gli incontri “La voce del padre” e “Amo te e anche me”

“La differenza tra colpa e responsabilità: questioni di genere”: incontro di sensibilizzazione al tema della violenza sulle donne

LA NOTTE DEI RACCONTI: la realtà della “Casa dei papà”, un luogo per riappropriarsi della dignità e della paternità

Torna all'inizio del contenuto